Un realismo di genere?