«Fra le vaghe erbette e fronde». Il Giardino della Viola nella Bologna dei Bentivoglio