I "solchi della morte" e il realismo più cupo di Guido Cavani