Anni Ottanta. Le "ripetizioni differenti"