Intorno al "Diamerone" di Valerio Marcellino: un mistero editoriale del secondo Cinquecento