"Studi dal vero" e "documenti letterari". Nell'officina delle novelle dannunziane