«In formato corporeo»: estetica e percezione del cinema