Il continuo aumento della prevalenza dell’obesità nei bambini e negli adolescenti è uno dei problemi di sanità pubblica più allarmanti del mondo contemporaneo. Dal momento che la prevalenza dell’obesità dell’età evolutiva aumenta, i suoi effetti sulla salute stanno diventando più evidenti. Pertanto, non solo vi è una maggior frequenza della prevalenza di obesità infantile, ma anche una maggiore severità di questa condizione. Chi è in sovrappeso lo è in misura più elevata di quanto si era soliti vedere precedentemente e, pertanto, avrà maggior rischio di presentare una o più alterazioni metaboliche correlate al grado di obesità. Gli studi clinici hanno evidenziato un range di condizioni mediche associate molto varie, in cui solo pochi organi non sono interessati. Tali condizioni sono importanti perché possono essere potenzialmente gravi e comportare importanti conseguenze per la vita e la salute del soggetto. Molte delle complicanze endocrino/metaboliche e cardiovascolari dell’obesità sono già presenti durante l’infanzia e sono strettamente correlate alla presenza di insulino resistenza/iperinsulinemia, la più comune alterazione vista nell’obesità. Altre alterazioni metaboliche correlate all’obesità che emergono precocemente nell’infanzia sono la steatosi epatica e la epoato-steatosi non alcolica. La deposizione dei lipidi nei muscoli e nel compartimento viscerale , e non solo l’adiposità in sé, è correlata alla resistenza periferica all’ insulina, la base scatenante per la “sindrome metabolica”. Altri elementi della sindrome, come le alterazioni lipidiche e l’ipertensione, sono già presenti nei giovani obesi e peggiorano con il grado di obesità. In maniera simile, anche i markers di “infiammazione sistemica”, peggiorano con l’aumento dell’adiposità. Ci si può aspettare, pertanto, che l’impatto a lungo termine sulla morbidità cardiovascolare ed epatica della resistenza insulinica legata all’obesità infantile emergerà con maggiore evidenza allorché questi ragazzi diventeranno giovani adulti.

Le complicanze metaboliche dell'obesità in età evolutiva

CICOGNANI, ALESSANDRO;BALSAMO, ANTONIO
2007

Abstract

Il continuo aumento della prevalenza dell’obesità nei bambini e negli adolescenti è uno dei problemi di sanità pubblica più allarmanti del mondo contemporaneo. Dal momento che la prevalenza dell’obesità dell’età evolutiva aumenta, i suoi effetti sulla salute stanno diventando più evidenti. Pertanto, non solo vi è una maggior frequenza della prevalenza di obesità infantile, ma anche una maggiore severità di questa condizione. Chi è in sovrappeso lo è in misura più elevata di quanto si era soliti vedere precedentemente e, pertanto, avrà maggior rischio di presentare una o più alterazioni metaboliche correlate al grado di obesità. Gli studi clinici hanno evidenziato un range di condizioni mediche associate molto varie, in cui solo pochi organi non sono interessati. Tali condizioni sono importanti perché possono essere potenzialmente gravi e comportare importanti conseguenze per la vita e la salute del soggetto. Molte delle complicanze endocrino/metaboliche e cardiovascolari dell’obesità sono già presenti durante l’infanzia e sono strettamente correlate alla presenza di insulino resistenza/iperinsulinemia, la più comune alterazione vista nell’obesità. Altre alterazioni metaboliche correlate all’obesità che emergono precocemente nell’infanzia sono la steatosi epatica e la epoato-steatosi non alcolica. La deposizione dei lipidi nei muscoli e nel compartimento viscerale , e non solo l’adiposità in sé, è correlata alla resistenza periferica all’ insulina, la base scatenante per la “sindrome metabolica”. Altri elementi della sindrome, come le alterazioni lipidiche e l’ipertensione, sono già presenti nei giovani obesi e peggiorano con il grado di obesità. In maniera simile, anche i markers di “infiammazione sistemica”, peggiorano con l’aumento dell’adiposità. Ci si può aspettare, pertanto, che l’impatto a lungo termine sulla morbidità cardiovascolare ed epatica della resistenza insulinica legata all’obesità infantile emergerà con maggiore evidenza allorché questi ragazzi diventeranno giovani adulti.
Apparato cardiovascolare e attività fisica
1
1
A.Cicognani; A.Balsamo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/61272
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact