Human beings need fire ! Contrary to other living beings, mankind could not live without fire so it is quite astonishing to observe that most of the fires which burn on the earth are caused by man. Many fires spread all over the North Mediterranean area, from Portugal to Turkey, during the summer 2007. Human beings and fire: associated to the sacrifice of Titan Prometheus which was meant to be a sort of pattern to be followed by men to honour the gods. Fire is alive like water and air but it is difficult to capture it with the eyes: we can look at it for a long time before we discover that it never looks like itself. Fire has brought about important changes to human life, giving it much more security and comfort. However, the destructive power of fire is a real threat which not only takes many victims and results in wounded, intoxicated and homeless people but its force also wipes out and destroys places recognized as the heritage of mankind.

Gli uomini hanno bisogno del fuoco! Contrariamente a quanto accade agli altri esseri che popolano la terra, gli uomini non potrebbero vivere come fanno senza il fuoco e, altro aspetto inquietante, è quello correlato al fatto che la grande maggioranza dei fuochi che bruciano sul pianeta sono prodotti dall’uomo. Incendi diffusi e tenaci si sono verificati nella scorsa estate in tutta la fascia settentrionale del Mediterraneo, dal Portogallo alla Turchia. Uomini e fuoco: un binomio di fondazione del sacrificio istituito dal Titano Prometeo, che avrebbe così definitivamente delineato il modello con cui gli uomini si conformano per onorare gli dei. Il fuoco è vivo, come lo sono l’acqua e l’aria, ma è inafferrabile allo sguardo: lo si può guardare per tanto tempo e accorgersi che non somiglia mai a se stesso. L’uso del fuoco ha reso la vita dell’uomo più sicura e confortevole e ha cambiato, nel tempo, la faccia della terra. La forza distruttrice del fuoco rappresenta, tuttavia, una reale minaccia che non soltanto miete vittime, produce feriti, intossicati, senza tetto, ma non si arresta neppure di fronte a quei luoghi dichiarati patrimonio dell’umanità.

Incendiari e vittime

BISI, ROBERTA
2008

Abstract

Gli uomini hanno bisogno del fuoco! Contrariamente a quanto accade agli altri esseri che popolano la terra, gli uomini non potrebbero vivere come fanno senza il fuoco e, altro aspetto inquietante, è quello correlato al fatto che la grande maggioranza dei fuochi che bruciano sul pianeta sono prodotti dall’uomo. Incendi diffusi e tenaci si sono verificati nella scorsa estate in tutta la fascia settentrionale del Mediterraneo, dal Portogallo alla Turchia. Uomini e fuoco: un binomio di fondazione del sacrificio istituito dal Titano Prometeo, che avrebbe così definitivamente delineato il modello con cui gli uomini si conformano per onorare gli dei. Il fuoco è vivo, come lo sono l’acqua e l’aria, ma è inafferrabile allo sguardo: lo si può guardare per tanto tempo e accorgersi che non somiglia mai a se stesso. L’uso del fuoco ha reso la vita dell’uomo più sicura e confortevole e ha cambiato, nel tempo, la faccia della terra. La forza distruttrice del fuoco rappresenta, tuttavia, una reale minaccia che non soltanto miete vittime, produce feriti, intossicati, senza tetto, ma non si arresta neppure di fronte a quei luoghi dichiarati patrimonio dell’umanità.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
articolo_bisi_2008-01 Incendiari e vittime.pdf

accesso aperto

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate (CCBYNCND)
Dimensione 48.99 kB
Formato Adobe PDF
48.99 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/61228
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact