«Inesorabilità» della scienza e «placidità» della letteratura in Galileo