L'Omelia XXVII, la più lunga fra quelle dedicate al libro dei Numeri, è con ogni probabilità non un testo pronunciato davanti a un'assemblea, ma la risultante di un assemblaggio di brani esegetici di diversa provenienza, come ricorda lo stesso Rufino nella sua traduzione latina, l'unica che ci tramandi queste omelie in forma integrale. Attraverso l'esame delle 42 tappe nel cammino di Israele nel deserto, Origene individua altrettanti stadi del cammino dell'anima verso la perfezione.

Omelia XXVII: Ascesa e tappe

Cacciari, Antonio
2004

Abstract

L'Omelia XXVII, la più lunga fra quelle dedicate al libro dei Numeri, è con ogni probabilità non un testo pronunciato davanti a un'assemblea, ma la risultante di un assemblaggio di brani esegetici di diversa provenienza, come ricorda lo stesso Rufino nella sua traduzione latina, l'unica che ci tramandi queste omelie in forma integrale. Attraverso l'esame delle 42 tappe nel cammino di Israele nel deserto, Origene individua altrettanti stadi del cammino dell'anima verso la perfezione.
Omelie sui Numeri. Lettura origeniana
119
137
Cacciari, Antonio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/611679
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact