Vittorio Bodini e il demone gnoseologico del Barocco