La “democrazia elettorale”, tra rappresentatività e governabilità