Micosi fungoide: nuovi orizzonti dal microambiente?