Tassoni in Germania (e altrove): un sonetto fortunato