Medea: da eroina tragica a caso sociale