Il sapore dell'erudizione: Raimondi, Camporesi e il Barocco Bologna