Sopravvivenza di immagini: Roberto Longhi e gli scrittori