La discriminazione razziale: un problema relazionale?