Vita metropolitana: nuovi rischi, nuove competenze?