La vigilanza diretta dell’Esma. Un modello per il futuro?