«Oriente e Occidente non si possono più separare». Barbara Frischmuth e la pluralità della memoria culturale