Il saggio rileva l'eco e la permanenza dell'opera di William Shakespeare nella danza contemporanea attraverso l'analisi di alcune pratiche del rifare in danza applicate a Romeo e Giulietta. A partire dalla creazione di Ivanov Lavrovskij (1940), assurta a pietra di paragone, le creazioni che negli ultimi decenni scelgono di fare esplicito riferimento al titolo shakesperiano - da Jean-Claude Gallotta (1991) a Jean-Christophe Maillot (1996) a Roberto Zappalà (2016) - mettono in campo differenti modalità di rapportarsi con il passato per rilanciare il proprio fare coreografico nel presente.

Rifare in danza: il caso di Romeo e Giulietta

CERVELLATI, ELENA
2016

Abstract

Il saggio rileva l'eco e la permanenza dell'opera di William Shakespeare nella danza contemporanea attraverso l'analisi di alcune pratiche del rifare in danza applicate a Romeo e Giulietta. A partire dalla creazione di Ivanov Lavrovskij (1940), assurta a pietra di paragone, le creazioni che negli ultimi decenni scelgono di fare esplicito riferimento al titolo shakesperiano - da Jean-Claude Gallotta (1991) a Jean-Christophe Maillot (1996) a Roberto Zappalà (2016) - mettono in campo differenti modalità di rapportarsi con il passato per rilanciare il proprio fare coreografico nel presente.
Cervellati, Elena
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/592743
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact