Berberi, uomini impagliati e civiltà della macchina: Wyndham Lewis e il ‘nuovo barbarismo’