La crisi della primavera 1986 fra Stati Uniti e Libia, culminata nel bombardamento americano di Tripoli e Bengasi quale risposta all'atteggiamento ostile di Gheddafi, mise in difficoltà la politica estera italiana, molto legata per differenti ragioni a questi due attori internazionali, e la Comunità economica europea. Nonostante l'impossibilità di evitare il ricorso alla forza da parte della presidenza Reagan l'Italia seppe preservare un profilo autonomo nella lotta al terrorismo e in ambito mediterraneo.

Europa e Stati Uniti di fronte alla crisi libica del 1986

SOAVE, PAOLO
2017

Abstract

La crisi della primavera 1986 fra Stati Uniti e Libia, culminata nel bombardamento americano di Tripoli e Bengasi quale risposta all'atteggiamento ostile di Gheddafi, mise in difficoltà la politica estera italiana, molto legata per differenti ragioni a questi due attori internazionali, e la Comunità economica europea. Nonostante l'impossibilità di evitare il ricorso alla forza da parte della presidenza Reagan l'Italia seppe preservare un profilo autonomo nella lotta al terrorismo e in ambito mediterraneo.
Europa e Medio Oriente (1973-1993)
75
98
Paolo, Soave
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/586027
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact