Hegel e la poesia ebraica. Tra ricezione e speculazione