Trasparenza e protocollo di Kyoto: risposta a Mollicone e Federici