Dalla banalità del male alla desiderabilità della scelta etica