Riassunto - Viene succintamente riletta tutta la documentazione storico-archivistica relativa all’area indagata, evidenziando gli spunti problematici degli aspetti fisico-ambientali in un arco cronologico esteso dall’altomedioevo al XVIII secolo, con l’obiettivo di fornire una taratura ai primi dati stratigrafici originali prodotti. Si provvede ad una prima ricostruzione dell’evoluzione della Rotta Panfilia ricavandone gli ordini di grandezza dei tassi fisiologici di sviluppo e se ne suggeriscono i precedenti. Si propone una preliminare analisi dell’esondabilità pregressa del territorio altomedievale. Si contestualizza l’area geomorfologicamente tentando l’integrazione tra aspetti morfologici e stratigrafici, sottolineando gli argomenti di interesse ed attenzione per una futura analisi geoarcheologica. Si propone il medesimo livello di attenzione analitica per tutte le altre realtà microinsediative medievali note nel territorio ma finora mai sondate. Si suggerisce un termine post quem (1134 d.C.) per l’avulsione inferiore che condusse il fiume medievale nel sottodominio centese. ------------------------------ Indice – Dati storico documentali (la Torre di Galliera; il centro abitato; lo Scolo Riolo; il Fluvius di Galliera; la Coronella di Galliera; il “Terrazzone”). Inquadramento geomorfologico (la Rotta Panfilia; i dossi di Reno A e B). Una prospettiva ambientale fisica: la taratura paleoidraulica e la paleomorfologia (la sezione dell’alveo di Reno al Gallo). Stratigrafie e contesto locale. Confronti stratigrafici. Conclusioni.

Osservazioni stratigrafiche e considerazioni paleoambientali preliminari nell'area di Galliera (Bologna). Una prospettiva di ricerca integrata nei rapporti tra insediamento e paleoambiente nella pianura d'età medievale.

CREMONINI, STEFANO;SCARIN, MARIA LUISA
2007

Abstract

Riassunto - Viene succintamente riletta tutta la documentazione storico-archivistica relativa all’area indagata, evidenziando gli spunti problematici degli aspetti fisico-ambientali in un arco cronologico esteso dall’altomedioevo al XVIII secolo, con l’obiettivo di fornire una taratura ai primi dati stratigrafici originali prodotti. Si provvede ad una prima ricostruzione dell’evoluzione della Rotta Panfilia ricavandone gli ordini di grandezza dei tassi fisiologici di sviluppo e se ne suggeriscono i precedenti. Si propone una preliminare analisi dell’esondabilità pregressa del territorio altomedievale. Si contestualizza l’area geomorfologicamente tentando l’integrazione tra aspetti morfologici e stratigrafici, sottolineando gli argomenti di interesse ed attenzione per una futura analisi geoarcheologica. Si propone il medesimo livello di attenzione analitica per tutte le altre realtà microinsediative medievali note nel territorio ma finora mai sondate. Si suggerisce un termine post quem (1134 d.C.) per l’avulsione inferiore che condusse il fiume medievale nel sottodominio centese. ------------------------------ Indice – Dati storico documentali (la Torre di Galliera; il centro abitato; lo Scolo Riolo; il Fluvius di Galliera; la Coronella di Galliera; il “Terrazzone”). Inquadramento geomorfologico (la Rotta Panfilia; i dossi di Reno A e B). Una prospettiva ambientale fisica: la taratura paleoidraulica e la paleomorfologia (la sezione dell’alveo di Reno al Gallo). Stratigrafie e contesto locale. Confronti stratigrafici. Conclusioni.
Storia e archeologia di Galliera nel Medioevo.
163
220
S. Cremonini; M. L. Scarin
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/56666
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact