L'articolo sintetizza i risultati di un programma di ricerca avviato nel 2001, che confluiranno in un volume che sarà pubblicato entro il 2008. Vi si formula una critica geografica al concetto di 'scoperta', rintracciandone l'evoluzione nel percorso parallelo e correlato tra l'espansione coloniale europea e la sua riorganizzazione interna nello spazio dello "jus publicum europaeum". Viene evidenziato il ruolo formativo della cartografia nei confronti dell'immaginazione e, quindi, dell'identità geografica europea.

Geoestetica della scoperta

NEVE, MARIO ANGELO
2008

Abstract

L'articolo sintetizza i risultati di un programma di ricerca avviato nel 2001, che confluiranno in un volume che sarà pubblicato entro il 2008. Vi si formula una critica geografica al concetto di 'scoperta', rintracciandone l'evoluzione nel percorso parallelo e correlato tra l'espansione coloniale europea e la sua riorganizzazione interna nello spazio dello "jus publicum europaeum". Viene evidenziato il ruolo formativo della cartografia nei confronti dell'immaginazione e, quindi, dell'identità geografica europea.
Neve M.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/56185
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact