Questo saggio è un tentativo di esplorare i presupposti fondamentali che sono la base del consumo moderno. Il punto di partenza di questa analisi è l’ipotesi che il recente consumo sia caratterizzato da un’enfasi posta sui sentimenti e l’emozione, oltre che da una pratica e da un’ideologia spiccatamente individualistiche. Il collegamento tra questo sistema di consumo e le premesse metafisiche viene esplorato attraverso un’analisi della relazione tra l’attività di consumo ed il concetto di identità, per poi proseguire considerando il ruolo del consumo alla luce della dimensione ontologica. Al tempo stesso viene sottolineata l'esistenza di una distinta epistemologia del consumo, associata ad un crescente interesse nei confronti di ciò che appartiene sfera “magica”. Nella conclusione queste tendenze si rivelano sintomatiche di una diffusa ed esplicita filosofia presente nella società contemporanea, che si esprime nel movimento New Age, in un parallelismo che sembra giustificare l’ipotesi secondo cui la società occidentale è realmente una “civiltà di consumatori”.

Acquisto dunque sono: le basi metafisiche del consumo moderno

DEGLI ESPOSTI, PIERGIORGIO
2007

Abstract

Questo saggio è un tentativo di esplorare i presupposti fondamentali che sono la base del consumo moderno. Il punto di partenza di questa analisi è l’ipotesi che il recente consumo sia caratterizzato da un’enfasi posta sui sentimenti e l’emozione, oltre che da una pratica e da un’ideologia spiccatamente individualistiche. Il collegamento tra questo sistema di consumo e le premesse metafisiche viene esplorato attraverso un’analisi della relazione tra l’attività di consumo ed il concetto di identità, per poi proseguire considerando il ruolo del consumo alla luce della dimensione ontologica. Al tempo stesso viene sottolineata l'esistenza di una distinta epistemologia del consumo, associata ad un crescente interesse nei confronti di ciò che appartiene sfera “magica”. Nella conclusione queste tendenze si rivelano sintomatiche di una diffusa ed esplicita filosofia presente nella società contemporanea, che si esprime nel movimento New Age, in un parallelismo che sembra giustificare l’ipotesi secondo cui la società occidentale è realmente una “civiltà di consumatori”.
L'opera originale è un saggio presentato e pubblicato da Colin Campbell a Gotheborg nel 2002 durante la conferenza Elusive Consumption: traking new research prespectives e successivamente pubblicato in inglese nel 2004. il saggio cerca di analizzare il rapporto esistente tra consumo e metafisica, concetti in prima apparenza opposti ma che dopo una più attenta analisi rivelano punti di contatto. il primo - come lo definisce il dizionario – collegato “ai principi primi, specialmente in relazione all’essere ed al conoscere”, l'altro connesso con la routine, la vita pratica ed il mondano. In altre parole, le attività generalmente associate al termine “consumo”, come ad esempio la ricerca di, l’acquisto e l’utilizzo di beni e servizi che soddisfano i nostri bisogni o desideri, è considerato così straordinariamente importante? La risposta a questa domanda a me sembra evidente, è proprio attraverso il consumo e nel consumo che oggi infatti gran parte delle persone, fatte salve ovviamente alcune doverose eccezioni, trova il momento centrale della loro esistenza. Il fenomeno del consumo non era cosi rilevante come lo è oggi nelle epoche precedenti. Questa riflessione non equivale però al chiedersi “perché consumiamo?”. Esistono già infatti molte risposte socialmente accettate a questa domanda, che spaziano dalla soddisfazione dei bisogni all’imitazioni degli altri, alla ricerca del piacere, alla difesa o alla conferma di uno status ecc. Il cercare di comprendere perché il consumo sia così importante nella vita delle persone significa ipotizzare che possa avere una funzione molto superiore rispetto alla semplice soddisfazione di specifici motivi o intenzioni che spingono gli individui ad agire. In altre parole è probabile che esso possieda una dimensione che lo collega alla domanda più profonde ed ultima che l’essere umano può porsi, domanda concernente la natura della realtà, lo scopo dell’esistenza, in altre parole, l’essere e il conoscere.
P. Degli Esposti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/55768
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact