Erodoto, Aristotele e la 'Stele dei fondatori'