Il contributo si propone di analizzare il rapporto dottrinale tra l’opera di due fra i più grandi maestri bolognesi di notariato del XIII secolo: l’"Ars Notariae" di Salatiele e la "Summa totius artis notariae" di Rolandino, che vengono esaminate in particolare rispetto alla concezione del formulario e alla sua evoluzione, in più ampia relazione con la normativa giuridica e con la prassi processuale. Il contributo si presenta suddiviso in due parti: una prima nella quale si ripercorre il contesto storico-giuridico generale dall’età tardo-antica al Medioevo, attraverso la pratica giudiziaria dell’età romano-barbarica, per inquadrare l’evoluzione subita dai formulari notarili in relazione al rapporto processo-documento scritto e per meglio apprezzare le motivazioni di quello che viene definito dalla dottrina come il “crollo dei formulari” (Tjäder) del periodo alto-medievale; nella seconda parte si analizzano nello specifico le vicende editoriali, scientifiche e politiche che videro contrapporsi nella Bologna della metà del Duecento Rolandino e Salatiele alla luce della diversa concezione che i due maestri avevano del notariato e della pratica notarile e processuale, in un momento che rappresenta la fase decisiva di ricostruzione del rapporto tra legislazione e prassi notarile, che si estrinseca nel formulario, e che nel corso di questo secolo si arricchisce della riflessione teorica e dottrinale proprio della scuola bolognese.

Il formulario del documento privato tra norma giuridica e prassi notarile. L’apporto della scuola bolognese di notariato del secolo XIII.

FEO, GIOVANNI;IANNACCI, LORENZA;ZUFFRANO, ANNAFELICIA
2016

Abstract

Il contributo si propone di analizzare il rapporto dottrinale tra l’opera di due fra i più grandi maestri bolognesi di notariato del XIII secolo: l’"Ars Notariae" di Salatiele e la "Summa totius artis notariae" di Rolandino, che vengono esaminate in particolare rispetto alla concezione del formulario e alla sua evoluzione, in più ampia relazione con la normativa giuridica e con la prassi processuale. Il contributo si presenta suddiviso in due parti: una prima nella quale si ripercorre il contesto storico-giuridico generale dall’età tardo-antica al Medioevo, attraverso la pratica giudiziaria dell’età romano-barbarica, per inquadrare l’evoluzione subita dai formulari notarili in relazione al rapporto processo-documento scritto e per meglio apprezzare le motivazioni di quello che viene definito dalla dottrina come il “crollo dei formulari” (Tjäder) del periodo alto-medievale; nella seconda parte si analizzano nello specifico le vicende editoriali, scientifiche e politiche che videro contrapporsi nella Bologna della metà del Duecento Rolandino e Salatiele alla luce della diversa concezione che i due maestri avevano del notariato e della pratica notarile e processuale, in un momento che rappresenta la fase decisiva di ricostruzione del rapporto tra legislazione e prassi notarile, che si estrinseca nel formulario, e che nel corso di questo secolo si arricchisce della riflessione teorica e dottrinale proprio della scuola bolognese.
Les formulaires. Compilation et circulation des modèles d'actes dans l'Europe médiévale et moderne
1
27
Feo, Giovanni; Iannacci, Lorenza; Zuffrano, Annafelicia
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/544957
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact