"Coselline" e "sovrane bellezze". Note sul collezionismo nell'età di Galileo