Consumi, fascismo, guerra: una riflessione