La perdurante utilità della clemenza: a proposito dell'ultima "concessione di indulto"