Il 'Menesseno' di Platone?