Introduzione: Nonostante il complesso ambiente portuale possa esporre i lavoratori ad una vasta gamma di rischi per la salute e la sicurezza, in letteratura esistono pochi lavori sull’argomento, se si escludono quelli specificamente riguardanti l’industria di costruzione navale.Obiettivi e metodi: Scopo del presente lavoro è quello di fornire una revisione delle evidenze scientifiche riguardanti i rischi associati al lavoro nei porti (ad esclusione dell’ambito delle costruzioni navali). La ricerca sull’argomento è stata condotta consultando i principali database (PubMed, Scholar e CCOHS) fino all’anno 2012. Risultati: Le operazioni di carico e scarico delle navi e il trasferimento delle merci in banchina sono identificate come le attività a maggior rischio: ad esse risultano infatti associati il maggior numero di infortuni (cadute, schiacciamenti, intrappolamenti) e di incidenti rilevanti (rilasci di sostanze pericolose, incendi ed esplosioni). Si evidenzia poi l’esistenza di rischi connessi alle merci movimentate tra cui, in particolare, rischio di asfissia o intossicazione in ambienti chiusi poco areati quali stive o containers. Conclusioni: Tutti gli autori concordano nell’identificare, tra le misure preventive più efficaci nel prevenire questo tipo di rischi, l’implementazione della formazione e informazione dei lavoratori e l’intensificazione dei controlli sulle navi, in particolare rivolti alla conformità delle procedure operative di carico e scarico e della documentazione che accompagna le merci.

I rischi per la salute e la sicurezza nel lavoro portuale: revisione narrativa della letteratura

BARBIERI, ANNA;GRAZIOSI, FRANCESCA;VIOLANTE, FRANCESCO SAVERIO
2014

Abstract

Introduzione: Nonostante il complesso ambiente portuale possa esporre i lavoratori ad una vasta gamma di rischi per la salute e la sicurezza, in letteratura esistono pochi lavori sull’argomento, se si escludono quelli specificamente riguardanti l’industria di costruzione navale.Obiettivi e metodi: Scopo del presente lavoro è quello di fornire una revisione delle evidenze scientifiche riguardanti i rischi associati al lavoro nei porti (ad esclusione dell’ambito delle costruzioni navali). La ricerca sull’argomento è stata condotta consultando i principali database (PubMed, Scholar e CCOHS) fino all’anno 2012. Risultati: Le operazioni di carico e scarico delle navi e il trasferimento delle merci in banchina sono identificate come le attività a maggior rischio: ad esse risultano infatti associati il maggior numero di infortuni (cadute, schiacciamenti, intrappolamenti) e di incidenti rilevanti (rilasci di sostanze pericolose, incendi ed esplosioni). Si evidenzia poi l’esistenza di rischi connessi alle merci movimentate tra cui, in particolare, rischio di asfissia o intossicazione in ambienti chiusi poco areati quali stive o containers. Conclusioni: Tutti gli autori concordano nell’identificare, tra le misure preventive più efficaci nel prevenire questo tipo di rischi, l’implementazione della formazione e informazione dei lavoratori e l’intensificazione dei controlli sulle navi, in particolare rivolti alla conformità delle procedure operative di carico e scarico e della documentazione che accompagna le merci.
2014
Barbieri, Anna; Sabatini, Laura; Graziosi, Francesca; Severi, Elena; Mancini, Gianpiero; Violante, Francesco Saverio
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/520362
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 1
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 3
social impact