A partire dal volume di Biagio Virgilio, Le roi écrit, che rappresenta una tappa importante nella riflessione sulla comunicazione antica, nonché un ricco carnet metodologico per le ricerche future, si esaminano i molti temi oggetto di studi recenti sulla corrispondenza regia ellenistica, fonte privilegiata per definire lo scambio politico e amministrativo tra il re, i funzionari, i sudditi e le città del regno. L’analisi del discorso del re ellenistico, attraverso il modello esemplare della lettera di Lisimaco a Priene, è scandita in tre sezioni. Nella prima – il sovrano scrivente – si discute di cancellerie e regalità, città greche ed epistolografia, re e città e il loro dialogo attraverso forme diplomatiche disomogenee, sospetti antichi intorno all’uso delle lettere e falsificazione. La seconda parte – il sovrano scrittore – passa in rassegna i temi del linguaggio regio, delle scelte tipologiche, dell’evoluzione dei modelli documentali da Alessandro ai successori. Nella terza – il discorso del re sulla pietra – si approfondisce, infine, sia la relazione necessaria tra discorso del re e sua stesura per iscritto sia la messa in scena del potere regio attraverso la pubblicazione epigrafica. With reference to Le roi écrit by Biagio Virgilio, a milestone in ancient communication’s studies and a rich methodological handbook for future reference, and to some recent researches concerning Hellenistic royal correspondence, which is the main source for the comprehension of the political and administrative exchange between kings, officials, subjects and cities, many topics regarding epistolography are discussed. The analysis of the Hellenistic king’s speech, exemplified by the letter of Lysimachus to Priene, is divided into three sections. In the first section – the writing king – the focus is on chanceries and kingship, Greek cities and epistolography, kings and cities and their exchange through unequal diplomatic tools, ancient concerns raised by the use of letters and falsification. The second section – the writer king – is about royal language, royal documents and the evolution of the formats’ typologies employed by Alexander and his successors. The third section – the king’s speech on stone – examines both the essential relationship between the king’s speech and its drafting on perishable material, and the representation of the king’s power through epigraphic publication.

Il discorso del re. Sovrani ellenistici e comunicazione del potere a partire da Le roi écrit di Biagio Virgilio

BENCIVENNI, ALICE
2014

Abstract

A partire dal volume di Biagio Virgilio, Le roi écrit, che rappresenta una tappa importante nella riflessione sulla comunicazione antica, nonché un ricco carnet metodologico per le ricerche future, si esaminano i molti temi oggetto di studi recenti sulla corrispondenza regia ellenistica, fonte privilegiata per definire lo scambio politico e amministrativo tra il re, i funzionari, i sudditi e le città del regno. L’analisi del discorso del re ellenistico, attraverso il modello esemplare della lettera di Lisimaco a Priene, è scandita in tre sezioni. Nella prima – il sovrano scrivente – si discute di cancellerie e regalità, città greche ed epistolografia, re e città e il loro dialogo attraverso forme diplomatiche disomogenee, sospetti antichi intorno all’uso delle lettere e falsificazione. La seconda parte – il sovrano scrittore – passa in rassegna i temi del linguaggio regio, delle scelte tipologiche, dell’evoluzione dei modelli documentali da Alessandro ai successori. Nella terza – il discorso del re sulla pietra – si approfondisce, infine, sia la relazione necessaria tra discorso del re e sua stesura per iscritto sia la messa in scena del potere regio attraverso la pubblicazione epigrafica. With reference to Le roi écrit by Biagio Virgilio, a milestone in ancient communication’s studies and a rich methodological handbook for future reference, and to some recent researches concerning Hellenistic royal correspondence, which is the main source for the comprehension of the political and administrative exchange between kings, officials, subjects and cities, many topics regarding epistolography are discussed. The analysis of the Hellenistic king’s speech, exemplified by the letter of Lysimachus to Priene, is divided into three sections. In the first section – the writing king – the focus is on chanceries and kingship, Greek cities and epistolography, kings and cities and their exchange through unequal diplomatic tools, ancient concerns raised by the use of letters and falsification. The second section – the writer king – is about royal language, royal documents and the evolution of the formats’ typologies employed by Alexander and his successors. The third section – the king’s speech on stone – examines both the essential relationship between the king’s speech and its drafting on perishable material, and the representation of the king’s power through epigraphic publication.
Alice Bencivenni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/513167
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact