Nella struttura di questo progetto questa UO sarà coinvolta in 3 diversi aspetti. 1. ricerca ed isolamento di ceppi di S. thermophilus da fonti diverse dai prodotti lattiero caseari. 2. acquisizione di dati fisiologici e tecnologici dei ceppi di S. thermophilus. 3. analisi statistica dei dati raccolti da tutte le UO. 1. S. thermophilus è considerato un LAB specializzato isolato da nicchie legate al settore lattiero caseario. È stata avanzata l’ipotesi che l’evoluzione di S. thermophilus al latte sia risultata in una degradazione del genoma di numerosi geni (tra cui anche geni legati alla patogenesi) che non risultavano più indispensabili nel momento in cui il microorganismo si evolveva in questo ambiente estremamente specializzato (Bolotin et al. 2004). questa UO proverà ad isolare ceppi di S. thermophilus da vegetali per confrontare le loro caratteristiche con quelle dei ceppi isolati da prodotti lattiero caseari. Gli isolati saranno caratterizzati per le loro caratteristiche morfologiche e fisiologiche I potenziali streptococchi verranno inviati all’UO di Milano per l’identificazione molecolare. 2. I tratti fisiologici dei ceppi studiati da questa UO saranno la produzione di polisaccaridi, la produzione di composti di aroma, le proprietà acidificanti, il metabolismo degli zuccheri. 3. Il trattamento statistico dei dati sarà mirato a focalizzare la presenza di specifiche caratteristiche genotipiche e fenotipiche in grado di discriminare i ceppi in relazione alla loro fonte di isolamento e a selezionare dei ceppi rappresentativi per la seconda parte del progetto nella quale le caratteristiche di S. thermophilus saranno ulteriormente approfondite. Nel campo della microbiologia degli alimenti, gli studi di classificazione spesso hanno a che fare con fenomeni omogenei caratterizzati da set di dati nei quali tutte le variabili sono dello stesso tipo. Quando sono disponibili ampi set di dati, i microbiologi degli alimenti devono fronteggiare problemi di complessità che includono una elevata dimensionalità dei dati, osservazioni di natura diversa, strutture non standard dei dati e disomogeneità, il che significa differenti relazioni tra le variabili in differenti parti dello spazio di misura.

CARATTERIZZAZIONE FENOTIPICA DI CEPPI DI STREPTOCOCCUS THERMOPHILUS DI DIVERSA ORIGINE E TRATTAMENTO STATISTICO DEI DATI OTTENUTI MEDIANTE ANALISI POLIFASICA

GARDINI, FAUSTO
2006

Abstract

Nella struttura di questo progetto questa UO sarà coinvolta in 3 diversi aspetti. 1. ricerca ed isolamento di ceppi di S. thermophilus da fonti diverse dai prodotti lattiero caseari. 2. acquisizione di dati fisiologici e tecnologici dei ceppi di S. thermophilus. 3. analisi statistica dei dati raccolti da tutte le UO. 1. S. thermophilus è considerato un LAB specializzato isolato da nicchie legate al settore lattiero caseario. È stata avanzata l’ipotesi che l’evoluzione di S. thermophilus al latte sia risultata in una degradazione del genoma di numerosi geni (tra cui anche geni legati alla patogenesi) che non risultavano più indispensabili nel momento in cui il microorganismo si evolveva in questo ambiente estremamente specializzato (Bolotin et al. 2004). questa UO proverà ad isolare ceppi di S. thermophilus da vegetali per confrontare le loro caratteristiche con quelle dei ceppi isolati da prodotti lattiero caseari. Gli isolati saranno caratterizzati per le loro caratteristiche morfologiche e fisiologiche I potenziali streptococchi verranno inviati all’UO di Milano per l’identificazione molecolare. 2. I tratti fisiologici dei ceppi studiati da questa UO saranno la produzione di polisaccaridi, la produzione di composti di aroma, le proprietà acidificanti, il metabolismo degli zuccheri. 3. Il trattamento statistico dei dati sarà mirato a focalizzare la presenza di specifiche caratteristiche genotipiche e fenotipiche in grado di discriminare i ceppi in relazione alla loro fonte di isolamento e a selezionare dei ceppi rappresentativi per la seconda parte del progetto nella quale le caratteristiche di S. thermophilus saranno ulteriormente approfondite. Nel campo della microbiologia degli alimenti, gli studi di classificazione spesso hanno a che fare con fenomeni omogenei caratterizzati da set di dati nei quali tutte le variabili sono dello stesso tipo. Quando sono disponibili ampi set di dati, i microbiologi degli alimenti devono fronteggiare problemi di complessità che includono una elevata dimensionalità dei dati, osservazioni di natura diversa, strutture non standard dei dati e disomogeneità, il che significa differenti relazioni tra le variabili in differenti parti dello spazio di misura.
2005
F. Gardini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/50288
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact