Il terrorista, un "utile" nemico?