Viene presentata una ricerca che documenta come nella rappresentazione corrente del terrorista emergano processi di stereotipizzazione che vanificano la distinzione razionale tra guerra e terrorismo. L'immagine del terrorismo probabilmente si inserisce nella dinamica di costruzione di un "nemico".

Il terrorista, un "utile" nemico?

BATTISTELLI, PIER GIORGIO;PALARETI, LAURA;PASSINI, STEFANO
2007

Abstract

Viene presentata una ricerca che documenta come nella rappresentazione corrente del terrorista emergano processi di stereotipizzazione che vanificano la distinzione razionale tra guerra e terrorismo. L'immagine del terrorismo probabilmente si inserisce nella dinamica di costruzione di un "nemico".
Battistelli P.; Palareti L.; Passini S.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/49159
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact