La scoperta del glutine viene comunemente attribuita al bolognese Jacopo Bartolomeo Beccari (1682-1766), il medico-naturalista che dal 1737 occupò la prima cattedra di chimica istituita in Italia. A metà del Novecento, il botanico Roberto Savelli, basandosi sul De Lumine di Francesco Maria Grimaldi, mise in dubbio la priorità di Beccari, aggiungendo che quasi sicuramente le massaie locali lo avevano preceduto.

Lo scienziato e la sfoglina / M. Taddia. - In: LA CHIMICA E L'INDUSTRIA. - ISSN 0009-4315. - STAMPA. - 97:2(2015), pp. 59-61. [10.17374/CI.2015.97.2.59]

Lo scienziato e la sfoglina

TADDIA, MARCO
2015

Abstract

La scoperta del glutine viene comunemente attribuita al bolognese Jacopo Bartolomeo Beccari (1682-1766), il medico-naturalista che dal 1737 occupò la prima cattedra di chimica istituita in Italia. A metà del Novecento, il botanico Roberto Savelli, basandosi sul De Lumine di Francesco Maria Grimaldi, mise in dubbio la priorità di Beccari, aggiungendo che quasi sicuramente le massaie locali lo avevano preceduto.
2015
Lo scienziato e la sfoglina / M. Taddia. - In: LA CHIMICA E L'INDUSTRIA. - ISSN 0009-4315. - STAMPA. - 97:2(2015), pp. 59-61. [10.17374/CI.2015.97.2.59]
M. Taddia
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/487577
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact