Nelle opere di Le Corbusier del secondo dopoguerra, il calcestruzzo lasciato a vista, il celebre "béton brut", diventa determinante per la creazione di una idea di spazio ("espace indicible") derivata da quella dell'epoca del Purismo, ma radicalmente trasfigurata dalla modellazione di linee e di superfici che vengono intessute in una trama modulare a scala umana. L'articolo ricostruisce il ruolo di questo materiale nell'invenzione di una architettura che va oltre i principi, ormai universalmente diffusi, del Movimento Moderno.

Béton Brut Le Corbusier und der unbeschreibliche Raum

ROSELLINI, ANNA
2014

Abstract

Nelle opere di Le Corbusier del secondo dopoguerra, il calcestruzzo lasciato a vista, il celebre "béton brut", diventa determinante per la creazione di una idea di spazio ("espace indicible") derivata da quella dell'epoca del Purismo, ma radicalmente trasfigurata dalla modellazione di linee e di superfici che vengono intessute in una trama modulare a scala umana. L'articolo ricostruisce il ruolo di questo materiale nell'invenzione di una architettura che va oltre i principi, ormai universalmente diffusi, del Movimento Moderno.
BETONPRISMA
Anna Rosellini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/476976
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact