Nella guerra combattuta anche fra italiani nel 1943-1945 si individua, da parte dei fascisti ritornati al governo, la messa in campo di una serie di violenze in cui risultano intrecciate una violenza di guerra, una violenza politica e una violenza comune. Brutalizzazione della guerra e della politica, violenze “razionali-allo-scopo” ma anche violenze del tutto gratuite e insensate lievitate all’interno di quella guerra. Il caso degli adolescenti e dei bambini armati appare emblematico.

La guerra civile in Italia, 1943-1945. Violenza comune, violenza politica, violenza di guerra

GAGLIANI, DIANELLA
2007

Abstract

Nella guerra combattuta anche fra italiani nel 1943-1945 si individua, da parte dei fascisti ritornati al governo, la messa in campo di una serie di violenze in cui risultano intrecciate una violenza di guerra, una violenza politica e una violenza comune. Brutalizzazione della guerra e della politica, violenze “razionali-allo-scopo” ma anche violenze del tutto gratuite e insensate lievitate all’interno di quella guerra. Il caso degli adolescenti e dei bambini armati appare emblematico.
le guerre del novecento
195
212
D. GAGLIANI
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/46579
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact