Tra teoria della storia, iconologia e “ippologia politica”. Sulle tracce del Nachlass di Reinhart Koselleck