Deficit cognitivo e demenza: il parere dello psicologo