Continua la confusione sui mercati