L'intervento analizza i rapporti tra la poetica di Andrea Zanzotto e la poetica di Leopardi, interpretata da Zanzotto attraverso la lente della psicoanalisi di J. Lacan, la filosofia di M. Heidegger e la linguistica strutturale.

Da «qui» all’«infinito». Nota sul leopardismo di Zanzotto

CARBOGNIN, FRANCESCO
2014

Abstract

L'intervento analizza i rapporti tra la poetica di Andrea Zanzotto e la poetica di Leopardi, interpretata da Zanzotto attraverso la lente della psicoanalisi di J. Lacan, la filosofia di M. Heidegger e la linguistica strutturale.
Hommage à Andrea Zanzotto
41
64
Francesco Carbognin
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/410769
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact