Da «qui» all’«infinito». Nota sul leopardismo di Zanzotto