Dall'"archeologia politica" al modernismo lamalfiano. Il Pri nel secondo dopoguerra