Introduzione: Quali sono i meccanismi alla base della nostra comprensione e condivisione empatica del dolore degli altri? Questo interrogativo è da sempre stato al centro della speculazione filosofica prima e dello studio scientifico della mente poi. Solo recentemente le neuroscienze hanno iniziato a indagare i correlati nervosi dell’empatia nell’essere umano. Saranno presentati una serie di lavori volti allo studio dei meccanismi neurali sottostanti la percezione e condivisione del dolore degli altri. Metodo: Gruppi di partecipanti sani sono stati sottoposti a esperimenti di stimolazione magnetica transcranica (TMS) e risonanza magnetica funzionale (fMRI) nei quali l’attività nervosa era registrata durante la visione di condizioni dolorose (aghi che penetrano la mano o altre parti del corpo di modelli sconosciuti) e neutre (bastoncini di cotone che toccano le stesse parti del corpo). Al termine di ciascun esperimento ai partecipanti era chiesto di valutare il dolore presumibilmente provato dai modelli osservati e compilavano l’Interpersonal Reactivity Index (IRI) al fine di valutare le disposizioni empatiche. Risultati: La visione del dolore sul corpo degli altri riduce l’eccitabilità motoria nell’osservatore in modo analogo a quanto accade durante la percezione diretta del dolore sul proprio corpo. Similmente, durante la visione del dolore il segnale fMRI aumenta in diverse regioni sensorimotorie ed emozionali coinvolte nell’esperienza personale del dolore. La risposta neurale al dolore altrui correla con i giudizi soggettivi di dolorosità ed è maggiore in soggetti con alti punteggi di empatia. Conclusioni: In linea con le teorie dell’embodied cognition, i risultati degli studi suggeriscono che la comprensione del dolore degli altri si basi su meccanismi neurali di risonanza “empatica”. Tali meccanismi consentirebbero una simulazione interna degli aspetti sensoriali ed emozionali dell’evento doloroso osservato che potrebbe essere alla base dell’esperienza empatica del dolore altrui.

Dolore ed empatia nelle neuroscienze sociali / Avenanti A. - (2013), pp. 36-36. (Intervento presentato al convegno XIX Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale, Associazione Italiana di Psicologia tenutosi a Roma nel 16-18/09/2013).

Dolore ed empatia nelle neuroscienze sociali

AVENANTI, ALESSIO
2013

Abstract

Introduzione: Quali sono i meccanismi alla base della nostra comprensione e condivisione empatica del dolore degli altri? Questo interrogativo è da sempre stato al centro della speculazione filosofica prima e dello studio scientifico della mente poi. Solo recentemente le neuroscienze hanno iniziato a indagare i correlati nervosi dell’empatia nell’essere umano. Saranno presentati una serie di lavori volti allo studio dei meccanismi neurali sottostanti la percezione e condivisione del dolore degli altri. Metodo: Gruppi di partecipanti sani sono stati sottoposti a esperimenti di stimolazione magnetica transcranica (TMS) e risonanza magnetica funzionale (fMRI) nei quali l’attività nervosa era registrata durante la visione di condizioni dolorose (aghi che penetrano la mano o altre parti del corpo di modelli sconosciuti) e neutre (bastoncini di cotone che toccano le stesse parti del corpo). Al termine di ciascun esperimento ai partecipanti era chiesto di valutare il dolore presumibilmente provato dai modelli osservati e compilavano l’Interpersonal Reactivity Index (IRI) al fine di valutare le disposizioni empatiche. Risultati: La visione del dolore sul corpo degli altri riduce l’eccitabilità motoria nell’osservatore in modo analogo a quanto accade durante la percezione diretta del dolore sul proprio corpo. Similmente, durante la visione del dolore il segnale fMRI aumenta in diverse regioni sensorimotorie ed emozionali coinvolte nell’esperienza personale del dolore. La risposta neurale al dolore altrui correla con i giudizi soggettivi di dolorosità ed è maggiore in soggetti con alti punteggi di empatia. Conclusioni: In linea con le teorie dell’embodied cognition, i risultati degli studi suggeriscono che la comprensione del dolore degli altri si basi su meccanismi neurali di risonanza “empatica”. Tali meccanismi consentirebbero una simulazione interna degli aspetti sensoriali ed emozionali dell’evento doloroso osservato che potrebbe essere alla base dell’esperienza empatica del dolore altrui.
2013
XIX CONGRESSO DI PSICOLOGIA SPERIMENTALE
36
36
Dolore ed empatia nelle neuroscienze sociali / Avenanti A. - (2013), pp. 36-36. (Intervento presentato al convegno XIX Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale, Associazione Italiana di Psicologia tenutosi a Roma nel 16-18/09/2013).
Avenanti A
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/400259
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact